3° Convegno

Insegnare e apprendere la matematica

Dalla ricerca scientifica all'esperienza
educativo-didattica

Quando i conti... tornano

15 e 16 maggio 2015
Palacongressi di Rimini

Giocadomino, il domino intelligente e divertente per imparare giocando

Una novità assoluta nel campo della matematica e dell'apprendimento, che sfrutta le potenzialità del gioco. Giocare, comprendere e diventare autonomi le parole d'ordine del progetto: ne abbiamo parlato con l’ideatore, Flavio Fogarolo.

La serie Giocadomino propone una serie di giochi didattici, varianti del classico domino, ottimi per sostenere apprendimenti e automatismi soprattutto nel calcolo. Non solo, Giocadomino è uno strumento didattico divertente e ottimo per l’inclusione: grazie a un efficace sistema di controllo e alle tessere di difficoltà crescente, tutti i bambini possono divertirsi e imparare, anche senza la vigilanza continua dell’adulto.

700X250_Giocadomino

 Professor Fogarolo, come è nata l'idea di Giocadomino?
Da tempo ci sono in commercio giochi basati sull'accostamento di elementi in base a una caratteristica comune, come per esempio il valore, anche se l'aspetto è diverso. Il domino delle tabelline è uno dei più noti: posso accostare 6x4 a 8x3 perché entrambi hanno lo stesso valore.
Il limite, però, di questi giochi è che non esiste un sistema per confermare ai bambini che effettivamente le tessere con 6x4 e 8x3 hanno lo stesso valore e possono essere unite tra loro. Di fatto, quindi, possono giocare autonomamente, senza la supervisione dell'adulto, solo i bambini che già conoscono le tabelline, non quelli che dovrebbero impararle!
Giocadomino supera questa criticità inserendo un efficace sistema di controllo che i bambini possono facilmente comprendere e gestire, in piena autonomia.

Come funziona questo sistema di controllo di Giocadomino?
Sui bordi delle tessere è stampata una sequenza di sette elementi colorati, una specie di codice a barre cromatico che individua la quantità rappresentata, anche se visualizzata in modo diverso. Le tessere dell'esempio precedente, 6x4 e 8x3, hanno quindi sui lati la stessa sequenza, come ovviamente anche la tessera con 24. Avvicinando due elementi il bambino può verificare subito, in modo molto evidente ed efficace, se l'accostamento è corretto o no.

E come sostiene l'apprendimento, soprattutto nei casi di difficoltà?
Il gioco interviene soprattutto sugli automatismi e ha quindi lo scopo di favorire esercitazioni prolungate e ripetute in un contesto ludico. Ho fatto, anche con la collaborazione di diversi insegnanti, parecchie sperimentazioni e posso dire che effettivamente funziona: una partita dura circa 10-15 minuti durante i quali si fanno (più che volentieri!) moltissimi calcoli a mente.
Inoltre, Giocadomino offre la possibilità di selezionare le tessere in base a tre livelli crescenti di complessità per consentire anche ai bambini in difficoltà di giocare e di divertirsi proponendo esercitazioni che siano alla loro portata. Nel caso delle tabelline, per esempio, c'è un primo livello con tabelline dell'1, 2, 5 e 10, un secondo con quelle del 3, 4 e 6, un terzo con quelle del 7, 8 e 9.
Si può giocare con le carte di un solo livello, oppure mettendo assieme due livelli nonché, ovviamente, con il mazzo intero.

Oltre a quello delle tabelline, quali altri Giocadomino ci sono?
A maggio 2015 escono i primi tre giochi della serie Giocadomino: tabelline, operazioni entro il 100 e frazioni e con i numeri decimali.
Sono in programma altri giochi analoghi sulle quantità, i calcoli fino al 20 e l'orologio, nonché attività fonologiche sulle sillabe iniziali e finali e le rime.
Nel complesso, la serie Giocadomino coprirà tutte le classi della scuola primaria con alcune attività adatte anche per la scuola dell'infanzia e altre per la secondaria di primo grado, anche se, in quest'ultimo caso, soprattutto come occasione di piacevole rinforzo e potenziamento.


Intervento al Convegno
16 maggio 2015
Flavio Fogarolo, Ilaria Cervellin, Lorena Finato
Giochi e competenze matematiche

Temi del Convegno

Didattica della matematica
Discalculia evolutiva
Matematica e neuroscienze
Difficoltà in matematica
Artefatti intelligenti
Prerequisiti matematici
Curricolo e valutazione
Geometria
Metodo analogico intuitivo
Problem solving